Coprire col segreto di stato qualsiasi informazione riguardante l’ammontare del proprio stipendio, anche con gli amici più stretti, e glissare con evidente imbarazzo precise domande fatte dall’alto della sfacciataggine di chi viene da un posto dove la cosa non rientra tra i dati personali riservati.