Un detto napoletano che mi è sempre piaciuto da morire, e che calza perfettamente su Fassino.