Allora.
La Romania presto farà parte degli Accordi di Schengen. Questo significherà l’abolizione dei controlli dei documenti alla frontiera, che comunque può essere passata già adesso senza visti, permessi o passaporti, essendo la Romania entrata nell’Unione Europea.
Se Veltroni accusa il governo di un paese europeo di aver “aperto i boccaporti”, Veltroni non ha capito un cazzo dell’Europa oppure – più verosimilmente – Veltroni è posseduto dal demone del populismo post primarie e riversa sulla Romania lo stesso stereotipo che ha dipinto per un secolo l’Italia come storica esportatrice mondiale di criminali.
C’è da chiedersi, piuttosto, quanto di questa presunta emergenza dei criminali rumeni l’Italia condivida con gli altri paesi europei, ugualmente accessibili e magari anche più vicini geograficamente alla Romania. C’è da chiederselo, meditare sulla risposta, e magari fare in modo che l’Italia in Europa diventi il posto dove cercare lavoro, e non il posto dove venire a fare un po’ quello che cazzo pare tanto non ti dicono niente.